949145.PNG
949145.PNG

DOMENIKON 1943

Quando ad ammazzare sono gli italiani

Autore: Vincenzo Sinapi

Codice: 949145

18,00  € 17,10

Una storia che nessuno ha finora mai raccontato: quella di Domenikon, piccolo villaggio della Tessaglia, che aiuta ad aprire gli occhi su una pagina buia, e ancora poco esplorata, della storia del nostro Paese. Il 16 febbraio 1943 tutti gli uomini di Domenikon furono uccisi come (illegittima) reazione a un’imboscata partigiana in cui morirono nove camicie nere. Fu una delle peggiori stragi compiute dai militari italiani nei Balcani. Per i morti di Domenikon nessuno ha mai pagato. È un caso clamoroso di giustizia negata che, come si ricostruisce nel libro anche con documenti giudiziari inediti, è inconfessabilmente legato a quello dell’impunità assicurata ai criminali di guerra nazisti responsabili delle stragi commesse in Italia. La vicenda giudiziaria si è chiusa lo scorso febbraio. Il gip militare ha accolto la richiesta di archiviazione del pm perché i responsabili sono tutti morti, ormai, o rimasti «ignoti». Un proscioglimento di cui il procuratore militare Marco De Paolis ha chiesto irritualmente scusa ai familiari delle vittime con una lettera riportata nel libro.

Lingua

ITALIANO

Pagine

256

Misure

14 X 21

ISBN
9788842563266